Centro Teatro Spazio - Consorzio Utopia

L'utopia del futuro
costruisce il presente
Ilya Prigogine
Vai ai contenuti

Menu principale:


…da sempre, fin dai tempi dell’antica Grecia il teatro è teatro civile. Serve a costruire e rappresentare un’identità collettiva, ma soprattutto a portare alla luce, alla consapevolezza, i conflitti che attraversano la polis, anche a costo di creare scandalo. La scena coglie l’emergenza di nuove identità, soggettività, gusti, culture, modi di percepire il mondo. Oggi per il teatro non si tratta più chiaramente di coinvolgere un pubblico-massa, che può trovare più facilmente il proprio nutrimento in altre forme di spettacolo e comunicazione. Si tratta invece di coinvolgere segmenti di pubblico, élite accomunate più dal gusto e dalla curiosità che dal censo, fasce aggregate più per affinità elettive che per classe sociale. Da questo punto di vista, il teatro è una utilissima cartina di tornasole, che permette di scoprire quello che accade nella pancia del corpo sociale. Perché tutto questo abbia senso, è indispensabile formare gli spettatori! Sono convinto che in una società complessa il teatro – come la letteratura e come l’arte in generale – sia assolutamente necessario. Deve essere necessario. Sono convinto che sia una necessità politica, in un duplice senso: perché il teatro è da sempre un atto, oltre che estetico, anche politico; e perché ritengo che un potere politico autenticamente democratico debba in qualche modo farsi carico della scena della polis. Nelle società totalitarie e cortigiane, la scena è sempre stata ridotta a strumento di propaganda e di consenso. In quelle democratiche è un necessario strumento di conoscenza di sé stessi e della realtà umana che ci circonda, dei conflitti e delle contraddizioni che attraversano la società. Ecco, credo che questo sia il teatro necessario, quello che continuo a sostenere a difendere e fare. Un teatro che abbia un pubblico e non una audience. Questo facciamo da sempre. Formare consapevolezza!

Il Centro Teatro Spazio, fondato nel 1975 da Massimo Troisi e Renato Barbieri, ha fatto e fa questo attraverso la formazione e la produzione, ha raccolto, così, tutte le speranze e i desideri di chi attraverso il teatro ha voluto esprimere la sua arte, e questo accade da oltre 45 anni. Dalle origini ad oggi, ha raccontato storie che altrimenti sarebbero rimaste inascoltate, oltre a permettere che di nuove ne nascessero. Oggi il CTS è gestito dall’Accademia Teatrale UNO SPAZIO PER IL TEATRO, che è scuola di formazione professionale allo spettacolo riconosciuta dalla Regione Campania, con una sala teatrabile, una sala per il mimo, sala di canto ed attrezzature per la cinematografia. È qui che quella tradizione rivive, in questo luogo animato da ferventi passioni creative e artistiche. Ci ritroviamo, così, da molti anni ad essere l’avamposto della formazione allo spettacolo della provincia di Napoli nonché riferimento di molti allievi attori provenienti da ogni parte della Regione Campania ed oltre.
Sito web:       www.centroteatrospazio.it

Consorzio UTòPIA
Via Zumbini, 22 Portici NA
Privacy Policy
Torna ai contenuti | Torna al menu